Enjoy Rome
ITALIANO  ITALIANO
ITALIANO  ITALIANO
Trova il tuo tour
Data del Tour
Lingua Parlata
Luoghi
Difficoltà
Prezzo
Orario
Opzioni
Promo
Prenota
Resetta Parametri Ricerca
Trova il tuo tour

Enjoy Rome - Guida della Città

SPECIAL

35 %

PRICE
Evita la coda - Il meglio
Da
€ 55,00
€ 35,75
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Piazza Venezia, Fontana di Trevi, Pantheon, Piazza Navona
3.5 ore
flag eng
flag esp
flag fra
flag ger
flag ml
30 RECENSIONI
Scopri tutte le migliori destinazioni da visitare a Roma. Il nostro tour ti porta nei migliori luoghi della città: il Colosseo, il Foro Romano, Fontana di Trevi, il Pantheon e Piazza Navona.

E in più puoi saltare la fila con il nostro biglietto con Accesso Prioritario concedendoti ancora più tempo per apprezzare Roma.
Il meglio della Roma Anti
Da
€ 44,00
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Campidoglio
3 ore
flag eng
7 RECENSIONI
Scopri uno dei luoghi più incredibili da visitare a Roma: il Colosseo e il Foro Romano. La nostra guida esperta vi accompagnerà attraverso la vasta area archeologica dove nel 753 a.C. nacque la Roma Antica. Puoi saltare la fila con il nostro Priority Access - lasciandoti a disposizione più tempo per goderti Roma.

Un'esperienza veramente memorabile senza attese e senza problemi: vivrai la storia antica per come le nostre guide riportano alla vita questa civiltà passata. Il nostro tour del Colosseo è il modo perfetto per visitare Roma in un giorno.
SPECIAL

27 %

PRICE
Roma incontaminata - Visi
Da
€ 67,00
€ 49,00
Per persona
Catacombe di San Callisto, Circo di Massenzio, Mausoleo di Cecilia Metella, via Appia Antica, Acquedotto Claudio
3 ore
flag eng
flag ger
9 RECENSIONI
Esplora alcuni dei luoghi più rari da visitare a Roma - le Catacombe e la campagna romana. Questo tour vi porterà oltre le mura della città e vi farà tornare al tempo della Roma antica.

Questa visita turistica a Roma inizia con una confortevole corsa in autobus lungo la campagna romana. Partendo dalle famose Catacombe di San Callisto e proseguendo fino al Circo di Massenzio con una visita esterna al Mausoleo di Cecilia Metella. Questo bellissimo viaggio a Roma finisce con una visita all'incredibile via Appia e all'Acquedotto Claudio. Destinazioni veramente uniche e un must-see della vostra visita a Roma.
Guida a piedi Pantheon, R
Da
€ 70,00
Per persona
Chiesa di Santa Maria del Popolo, via Ripetta, Chiesa di Santa Maria della Pace, Chiesa di Sant’Agostino, San Luigi dei Francesi, Pantheon
3 ore
flag eng
3 RECENSIONI
Una guida esperta vi accompagnerà in un walking tour di 3 ore alla scoperta del Pantheon e della sua storia unica e millenaria. Ripercorreremo i passi del più prolifico e influente pittore del nostro Rinascimento: Raffaello Sanzio, e dell’artista più ribelle che la storia dell’arte italiana abbia mai conosciuto: Caravaggio, colui che ha rivoluzionato la pittura rinascimentale sovvertendone le regole e l’immagine. Tutto questo attraverso le loro opere esposte nelle più belle chiese del centro storico.
Evita la coda - Roma di n
Da
€ 30,00
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Fontana di Trevi, Pantheon, Piazza Navona
3 ore
flag eng
flag ml
4 RECENSIONI
Scopri la magia di Roma di notte: questo tour vi porterà attraverso i più bei luoghi di Roma al tramonto. Lungo il percorso incontrerete destinazioni imperdibili, a partire dal magnifico Colosseo e dal Foro Romano, proseguendo con Piazza Venezia, Fontana di Trevi, il Pantheon e Piazza Navona - i monumenti più famosi di Roma, ora splendidamente illuminati di notte. Questo incantevole tour è essenziale quando si visita Roma.
Un Must-See Tour a Roma -
Da
€ 30,00
Per persona
Largo di Torre Argentina, Fontana delle Tartarughe, Portico d'Ottavia, Tempio Maggiore di Roma, Isola Tiberina, Piazza di Santa Maria in Trastevere, Piazza Farnese, Campo de' Fiori
3 ore
flag eng
6 RECENSIONI
Questo imperdibile tour di Roma vi guida attraverso gli affascinanti quartieri di Trastevere e del Ghetto ebraico - due dei migliori luoghi da visitare a Roma.

Il nostro viaggio inizia nel centro di Largo di Torre Argentina entrando nel Ghetto, e visitando le sue attrazioni più famose con una visita esterna alla Sinagoga. A seguire arriviamo a Trastevere - il famoso quartiere artistico e sede della bellissima chiesa di Santa Maria in Trastevere.

Questo tour esclusivo termina a Campo de' Fiori - una piazza amata per i suoi locali e piena di artisti di strada, musica dal vivo e caffetterie. Il modo perfetto per andare alla scoperta di Roma.
Monumenti: Foro Romano e Colosseo
Nota: il seguente testo è stato originariamente scritto in inglese, in altre lingue è una traduzione automatica

Foro Romano (via dei Fori Imperiali, metropolitana: Colosseo) Prezzo intero € 9, ridotto € 4,50 per entrambi i biglietti aggiungere un supplemento di € 3 quando le mostre temporanee sono esposte nel Colosseo.Il biglietto è valido per un ingresso ciascuno al Palatino, Foro Romano e il Colosseo in un periodo di 24 ore).

Goditi le 3 ore di tour a piedi "Salta la coda: antica e vecchia Roma" di Roma (al mattino alle 10:30, alle 14:00, in semi-privato o alla suggestiva Roma by Night) per la visita al Colosseo (visita interiore), Foro Romano (visita interna) e Campidoglio.

Il Forum fu il cuore della vita politica, economica e religiosa di Roma per oltre mille anni, il cuore palpitante di quella che sarebbe diventata la più grande potenza politica che il mondo avesse mai visto, con dominazioni che si estendevano dalla costa atlantica della Spagna e il Portogallo in Occidente al moderno Iraq in Oriente, e dalla Scozia al Nord, fino ai confini settentrionali del Sahara nel Sud. I templi si spalancavano per i commercianti, gli incontri politici si contendevano i casi legali e le folle di macinatori si spingevano per lo spazio in quello che doveva essere uno dei luoghi più eccitanti e vivaci della civiltà antica.

Se sali sul Palatino, puoi entrare nel Foro seguendo i passi giù dalle voliere rinascimentali, in alternativa l'ingresso è sulla Via dei Fori Imperiali, di fronte all'incrocio con via Cavour.

Alla fine del Foro del Colosseo l'Arco di Tito commemora l'Imperatore dopo la sua morte, e ricorda nei suoi rilievi il trionfo di Tito condotto come generale nel 70 dC sulla città di Gerusalemme. Dall'arco di Tito, la Via Sacra, la Via Santa e la più importante di tutte le strade romane si scende nel Foro. Seguendo le pietre grandi e irregolari, vieni alle vaste arcate della Basilica di Massenzio alla tua destra. Costruito e nominato per il co-sovrano dell'imperatore Costantino, che lo rovesciò nella battaglia del Ponte Milvio nel 312 d.C., la Basilica di Massenzio era la più grande del mondo romano, e tre delle sue vaste volte in cemento sopravvivono. Dal greco che significa "sala reale", una basilica romana era un edificio non religioso polifunzionale, utilizzato per le riunioni e l'audizione di cause giudiziarie. Dopo che Costantino rese legale il cristianesimo, e iniziò a costruire un paio di chiese a Roma, aveva bisogno di un tipo di edificio pratico (e non pagano) per le nuove chiese, il piano stabilito era quello della basilica. Così le principali chiese romane divennero note come basiliche.

Superata la basilica di Massenzio, le porte verdi e le colonne viola appartengono al piccolo Tempio rotondo di Romolo, dedicato da Massenzio al giovane figlio Romolo, dopo la morte prematura del ragazzo. Il tempio ha la pretesa di (almeno la Roma) la più antica serratura funzionante; se si vede il mazzo di chiavi delle guardie del Foro uno è molto più grande degli altri, risale agli inizi del 4 ° secolo e funziona ancora.

Proseguendo lungo la Via Sacra, verso il Campidoglio, sulla destra si vedono le colonne bianche del tempio di Antonino Pio della metà del II secolo e sua moglie Faustina. Mentre gran parte del materiale del Forum è stato spogliato per molti secoli in cui era poco più di una cava di pietra, le colonne del tempio sono sopravvissute. Una leggenda popolare dice che i solchi visibili vicino alla parte superiore delle colonne sono i segni lasciati quando i buoi sono stati legati a loro nel tentativo di rovesciarli. Quindi, la storia va, la solida costruzione del tempio significava che il progetto fallì, e piuttosto che prendere le colonne per costruire una chiesa altrove, la chiesa fu invece costruita nel tempio. La porta verde appartiene alla facciata seicentesca della chiesa di San Lorenzo in Miranda del XII secolo e rivela il massiccio cambiamento del livello del suolo in questa parte della città dopo il crollo dell'impero romano nel V secolo. Il Foro era originariamente una zona pianeggiante di terreno paludoso con un affluente del Tevere che lo attraversava; prosciugato nel VI secolo aC iniziò a essere costruito, ma dopo la caduta dell'Impero, l'area fu abbandonata, tornando gradualmente al suo stato originale. Le inondazioni dal fiume erano passate senza controllo per oltre mille anni quando venne costruita la nuova facciata di San Lorenzo e la porta segna quello che un tempo era il livello del suolo. Fino al XVIII secolo il Foro era conosciuto semplicemente come Campo Vaccino, il Campo delle Mucche. Gli scavi fino al livello del Foro durante il regno di Augusto furono eseguiti solo all'inizio del XX secolo.

Con il Tempio di Antonino e Faustina dietro di te, attraversa la Via Sacra fino al piccolo tempio rotondo parzialmente ricostruito. Questo era il Tempio di Vesta, dea del focolare. Il culto era molto antico; la tradizione dice che la madre di Romolo era stata una Vergine Vestale. Fu qui che le Vestali custodivano la fiamma eterna che doveva essere bruciata se Roma fosse sopravvissuta. L'attuale struttura risale agli inizi del 3 ° secolo, ma è l'ennesima ricostruzione, poiché il Tempio era incline a bruciare. Dato che una Vestale che ha lasciato spegnere la fiamma è stata punita dall'essere stata sepolta viva, è comprensibile che tendesse a preferire rischiare di lasciare che le fiamme sfuggissero di mano. Accanto al tempio è ciò che resta della Casa delle Vestali, stanze attorno a un cortile centrale (ora piantato con poche rose) dove vivevano le Vestali. La struttura che vediamo risale al regno dell'imperatore Traiano. Oltre al Sommo Sacerdote della religione romana, il Pontefice Massimo, le Vestali erano le uniche persone che potevano vivere nel Foro Romano. La loro posizione era tale che, se una Vestale dovesse toccare le vesti di un condannato mentre si recava alla sua esecuzione, sarebbe immediatamente prosciolto da tutte le accuse.

Un po 'più avanti lungo la Via Sacra, tra il Tempio di Vesta e il Tempio di Antonino, si trova il Tempio del Divin Giulio Cesare. Ora poco più che le macerie e la struttura interna del tufo del tempio, un tempo spettacolare, segna il luogo della cremazione di Giulio Cesare. Dopo il suo assassinio mentre assisteva ad una riunione del Senato romano nella casa temporanea del Senato alla Curia di Pompeo (nell'odierna Largo Argentina) la sua processione funeraria passò attraverso il Forum. La celebre orazione funebre di Marco Antonio ("Amici, Romani, concittadini ...") fu pronunciata dai Rostra (dall'Arco di Settimo Severo) sul Colle Capitolino, alla fine del Foro. Tale era la sensazione pubblica che ci fosse stato detto che la processione si era fermata nel Foro, invece di continuare con la pira funeraria pianificata nel Campo di Marte, e quella della Suburra (la zona delle baraccopoli vicino al Foro, l'attuale Monti ) portò i mobili e tutto il legno che potevano trovare nel Forum e, contro tutte le regole religiose che stabilivano che i funerali dovevano svolgersi fuori dalla città dei vivi, fu cremato lì e poi. Ogni anno alle Idi di marzo (15 marzo), gli appassionati di Cesare inscenano una processione attraverso il Foro e i fiori si depositano sull'altare. Guarda dietro l'area recintata dei resti del tempio sotto il tetto moderno e, a seconda del periodo dell'anno, vedrai fiori in vari stati di decomposizione.

Giulio Cesare fu assassinato nella casa temporanea del Senato della Curia di Pompeo (di Largo Argentina), non qui nel Foro, perché era in procinto di ricostruire la Camera del Senato. Il grande edificio di mattoni più in basso lungo la Via Sacra, fu completato da Augusto e fu sede degli incontri del Senato romano in tutto l'Impero Romano. Il suo ragionevole stato di riparazione è in gran parte dovuto alla sua conversione nella chiesa di San Adriano, che lo salvò dai peggiori eccessi di saccheggio dei materiali durante il Medioevo. A parte alcuni frammenti di affreschi, quasi nessuna traccia della chiesa medievale sopravvive; negli anni '30 Mussolini la spogliò delle accesioni medievali e fece restaurare la struttura augustea. Il Senato è di solito aperto; ammirare il favoloso pavimento in opus sectile, un metodo di intarsio che qui utilizza porfido viola dal deserto orientale dell'Egitto, il serpentino verde dalla Grecia e il giallo antico antico del Nord Africa.

Direttamente di fronte al Senato, al momento della stesura dei lavori sono in corso scavi nell'area conosciuta come il Lapis Niger. Letteralmente con il significato di "pietra nera", si trattava di un'area di pavimentazione più scura che indicava un'area inferiore in cui gli scavi degli inizi del XX secolo scoprivano la più antica iscrizione latina conosciuta su un blocco di pietra. L'iscrizione è solo parziale, e ci sono varie teorie sul suo significato, ma a volte si dice che segna il luogo della morte o della sepoltura di Romolo.

Appena passato la casa del Senato, l'Arco di Settimio Severo è un arco commemorativo, eretto in onore dell'imperatore che regnò a cavallo tra II e III secolo. Padre della dinastia Severana, originario di Leptis Magna nella moderna Libia, Settimio Severo trionfò sui Parti (nell'odierna Iran). I rilievi dell'arcata dettagliano il trionfo, e i Parti catturati sono mostrati nei rilievi sotto le colonne, piegati sotto il peso della sconfitta. L'iscrizione fa riferimento anche ai figli di Settimio, Caracalla e Geta, che regnarono come imperatori congiunti fino a quando Caracalla uccise suo fratello (di fronte alla madre). Dopo la morte di Geta, Caracalla ordinò alla damnatio memoriae che tutti i ricordi di suo fratello venissero eliminati. Di conseguenza l'iscrizione è stata modificata e il nome di Geta è stato rimosso dalla quinta riga. Le lettere di bronzo furono spogliate e fuse durante il Medioevo, ma i solchi lasciati dietro rivelano la modifica dell'iscrizione.

Sorge sopra l'Arco è il Campidoglio, i blocchi grezzi di tufo con gli archi sono del I secolo a.C. Tabularium, gli archivi antichi. Aggiunto a durante il Medioevo e nel Rinascimento, la struttura è ora sia sede del municipio di Roma e dell'ufficio del sindaco, sia di una sezione dei Musei Capitolini (vedi sotto).

Puoi lasciare il Forum salendo i gradini del Campidoglio, dalla rampa del Tempio di Antonino e Faustina, o dall'Arco di Tito, che porta direttamente al Colosseo.

L'Anfiteatro Flavio (Colosseo) (Piazza del Colosseo, metropolitana: Colosseo) Prezzo intero € 9, ridotto € 4,50 per entrambi i biglietti aggiungere un supplemento di € 3 quando le mostre temporanee sono esposte nel Colosseo.Il biglietto è valido per un ingresso ciascuno al Colle Palatino, Foro Romano e Colosseo in un periodo di 24 ore).

Se hai già il tuo biglietto sia dal Forum o Palatine Hill, cammina dritto oltre la linea del biglietto, metti il ​​biglietto attraverso il tornello e si senta molto soddisfatto di te stesso.

Dopo la morte dell'imperatore Nerone nel 68 d.C. e quelli dei tre imperatori che lo seguirono in rapida successione, il generale Vespasiano divenne imperatore. Decise di distruggere tutto ciò che era associato all'odiato Nero, e in particolare alla sua vasta e opulenta Casa d'Oro. Con un gesto politico molto chiaro, Vespasiano svuotò quello che un tempo era stato un lago ornamentale nel palazzo di Nerone, utilizzato per la messa in scena di finte battaglie navali. Al suo posto, si accinse a costruire un edificio per la gente. I lavori iniziarono sull'anfiteatro che porta il nome della famiglia nel 72 e fu completato 8 anni dopo, quando fu inaugurato dopo la morte di Vespasiano da parte di suo figlio Tito a grande fanfara e 100 giorni consecutivi di giochi. Il sito delle leggendarie gare dei gladiatori, l'anfiteatro è stimato per aver ospitato circa 60.000 spettatori. Come per molti degli edifici della città imperiale, l'anfiteatro è stato sporadicamente saccheggiato della sua pietra, alcuni dei quali si sono diretti verso la facciata di San Pietro in Vaticano.
Arco di Costantino
All'ombra del Colosseo si trova l'Arco costruito nel 315 d.C. per onorare dieci anni di dominio sotto l'imperatore Costantino. L'impero stava affondando in declino da quasi un secolo, un declino riflesso nella qualità dell'arte del periodo. Cercando le sculture più belle per il suo arco, Costantino cominciò a rubare pezzi dai monumenti di altri Imperatori e riutilizzarli. Le statue sopra le colonne provengono da un monumento dedicato a Traiano, i rilievi rotondi provengono da un monumento dedicato al suo successore Adriano, e i rilievi rettangolari lungo il piano superiore provengono da un monumento dedicato al prossimo imperatore-ma-uno, Marcus Aurelio. La striscia di sculture sopra gli archi più piccoli racconta la storia della vittoria di Costantino su Massenzio nel 312 d.C. presso il Ponte Milvio, sul Tevere. Questa è la battaglia che Costantino combatté leggendariamente sotto il segno della croce, la tradizionale spiegazione della sua depenalizzazione del cristianesimo l'anno successivo.
find cookiefind cookie