Enjoy Rome
ITALIANO  ITALIANO
ITALIANO  ITALIANO
Trova il tuo tour
Data del Tour
Lingua Parlata
Luoghi
Difficoltà
Prezzo
Orario
Opzioni
Promo
Prenota
Resetta Parametri Ricerca
Trova il tuo tour

Enjoy Rome City Guide

Quartieri: Neighbourhoods in Rome we like
Nota: il seguente testo è stato scritto originariamente in inglese, in altre lingue è una traduzione automatica

Trastevere - prende il nome dalla sua posizione trans Tiberim (attraverso il Tevere), Trastevere ha mantenuto in gran parte un'atmosfera affascinante villaggio nelle sue belle strade acciottolate. L'area è divisa in due dal 19 ° secolo, e poco interessante, Viale Trastevere. La tranquilla parte meridionale più piccola ospita la bellissima chiesa di Santa Cecilia, e nelle vicinanze ci sono alcuni ceramisti e negozi di artigianato. A nord di Viale Trastevere, le cose diventano un po 'più affollate. Il focus è Piazza Santa Maria in Trastevere , sede della chiesa omonima. Dietro Santa Maria, si trova la graziosa Piazza Sant'Egidio, sede del Museo di Roma in Trastevere (martedì-domenica, 10-20, € 3 / € 1,50), che occasionalmente ospita mostre temporanee sul piano terra, e ha una collezione permanente di acquerelli che mostrano Roma alla fine del 19 ° secolo al piano di sopra. Nelle serate estive e nei fine settimana, Trastevere è piena di romani e turisti, ma visita durante la giornata a metà settimana e il caos della città sembrerà un milione di chilometri di distanza.

Il Ghetto - Questa piccola area vicino all'Isola Tiberina, tra Largo Argentina e il fiume, è stata il cuore della comunità ebraica di Roma sin dal XV secolo. Fu chiusa con porte e mura da Papa Paolo IV nel 1555, che ordinò la creazione di un "Ghetto" durante l'altezza dell'Inquisizione romana. Le mura e le porte rimaste intatte fino al XIX secolo, quando oltre metà dell'area fu demolita e ricostruita. Tuttavia molte delle aree strette e strade caratteristiche rimangono, sede di macellai kosher e giunti di fast food. La ricostruzione ha visto la costruzione, del grande Tempio Maggiore , la sinagoga principale di Roma. La Sinagoga ospita un museo che racconta la storia dell'ebraismo romano, una presenza costante in città dal 169 aC, e come tale la più antica comunità ebraica continuamente presente in Europa. Largo 16 Ottobre, 1943 , di fronte all'imponente rovina della fine del I secolo aC Portico di Ottavia , commemora la deportazione di oltre 2000 ebrei romani nei campi di concentramento del Nord L'Europa durante l'occupazione nazista.

Campo de 'Fiori - Il sito dell'esecuzione degli eretici durante l'Inquisizione, la Piazza del Campo de' Fiori è ora sede di un frutto all'aperto e mercato ortofrutticolo (lun-sab, crepuscolo dell'alba-c.2pm). Ogni pomeriggio le bancarelle vengono smantellate, le foglie spazzate via e diventa il punto caldo dell'aperitivo. È piuttosto agitato e pronto, ma è per questo che ci piace, soprattutto il più vecchio (e più economico) dei bar, la Vineria Reggio. Una pietra attraverso il fascino incantato del Campo de'Fiori è una delle piazze più eleganti di Roma, la Piazza Farnese. Dominata dal Palazzo Farnese (ora Ambasciata di Francia) parzialmente progettata da Michelangelo per il papa Paolo III dei Farnese, la piazza contiene un paio di fontane che riciclano le vasche comunali che un tempo contenevano acqua ghiacciata nel frigidarium, alle Terme di Caracalla. Le fontane sono sormontate dal fiore di giglio, simbolo della famiglia Farnese, che ricorre proprio attraverso la facciata del palazzo, felice coincidenza per i francesi, rappresentati anche dal fleur de lys.

Monti - nascosto tra il traffico di Via Cavour e Via Nazionale è il Rione (un piccolo borgo) Monti. I condomini medievali e rinascimentali occupano quella che un tempo era la Suburra, l'antica area della baraccopoli della città. Un sacco di negozi alla moda si sono aperti tra i vicoli improbabili intorno a Piazza dei Zingari, Via dei Serpenti e Via del Boschetto . Fai una pausa nella Piazza Madonna dei Monti che ha un paio di bar da cui guardare questo pezzo di mondo che passa, ascolta la fontana e ti meraviglia che sei un passaggio di pietra dal rutto autobus su via Cavour. Gli scienziati possono fermarsi in Via Panisperna, una volta sede dell'Istituto di Fisica dell'Università di Roma, e che hanno dato il nome a un gruppo di fisici prebellici, tra cui Enrico Fermi, in seguito direttore tecnico del Progetto Manhattan.

Aventine - tranquillo, affascinante e disseminato di chiese e monasteri, e l'occasionale ambasciata, l'Aventino è una frondosa enclave di case intelligenti che si ergono sopra il grintoso Testaccio. Una delle chiese più belle è il Santa Sabina del V secolo. Dopo esserti gironzolato, sederti all'ombra degli aranci nel grazioso giardino adiacente del Parco Savello e guardare attraverso il buco della serratura nella vicina Piazza dei Cavalieri di Malta per vedere la sorpresa che sta oltre ... Testaccio - La grintosa lamina urbana alla raffinatezza dell'Aventino, Testaccio era una volta il sito del principale porto fluviale di Roma. Prende il nome dal Monte Testaccio , alto 35 metri, costituito interamente da vasi di terracotta stracolmi, scartati dopo che le loro mercanzie erano state vendute. Nel diciannovesimo secolo divenne ancora un vivace centro commerciale con la costruzione qui del principale mattatoio della città, il Mattatoio, in Piazza Giustiniani, anche se non temete, qui non ci sono più animali stridenti. Recentemente è stato convertito in MACRO Future, parte del Rome Contemporary Art Museum, e un dipartimento di architettura universitaria. Il macello di Testaccio è la sede della tradizionale spina dorsale (scusa il gioco di parole) della cucina romana, le frattaglie. Conosciuto come quinto quarto, il quinto quarto dell'animale, il macellaio poteva conservare tutti i pezzi che non erano stati venduti. Se vuoi provare graffette romane come i rigatoni alla pajata (pasta e salsa di pomodoro con l'intestino del vitello non svezzato), la trippa alla romana (trippa), o la coda alla vaccinara (checca di coda stufata) fanno checchino dal 1887 , il ristorante principale del quartiere.

Celio - La collina Celio, proprio di fronte al Palatino, vicino al Colosseo, un tempo era la residenza preferita della nobiltà romana. Dall'alto Medioevo su una serie di ordini religiosi cresciuti nell'area, Santo Stefano Rotondo, Ss Giovanni e Paolo, Santa Maria in Domnica sono particolarmente raccomandati. Più recentemente la compagnia televisiva Mediaset di Silvio Berlusconi ha costruito qui i suoi studi - insolitamente non invadenti, il complesso si nasconde dietro le mura medievali di fronte alla chiesa dei Santi Giovanni e Paolo . Risalire il Clivio Scauro da Via di San Gregorio alla chiesa, visitare i resti di case romane sotto (aperto tutti i giorni tranne il mercoledì, € 6), proseguire fino all'arco di Dolabella. Una passeggiata sulla collina celiaca dà l'idea migliore di come avrebbe potuto sembrare Roma un pellegrino medievale; oltre l'arco attraversare il piccolo parco e dirigersi verso il basso, nella zona abitata del Celio, per un ritorno al XXI secolo.

San Lorenzo - Proprio accanto all'università principale di Roma "La Sapienza" che si trasferì qui negli anni Trenta durante il dominio fascista, e la vasta massa del cimitero più elegante della città, Il Verano (ingresso piazzale del Verano), San Lorenzo è ora il ritrovo di studenti e professori allo stesso modo, pur mantenendo alcune delle sue radici tradizionali della classe operaia. Prendendo il nome dalla Basilica di San Lorenzo , divenne il sito di alloggi ad hoc per i lavoratori che stavano costruendo i condomini per l'afflusso di nuovi dipendenti della nuova capitale nel diciannovesimo secolo e la sua privazione condusse Maria Montessori scelse di aprire la sua prima scuola qui nel 1907. Quando il bombardamento alleato colpì le stazioni ferroviarie di Termini e Tiburtina il 19 luglio 1943, anche San Lorenzo (tra i due) fu colpito, con la perdita di 3.000 civili. Le morti vengono commemorate nel monumento ai caduti nel parco alla fine di Via Tiburtina. Le cicatrici sono ancora evidenti in molti edifici, così come una quantità eccessiva di graffiti. Ma non lasciatevi scoraggiare, se vi trovate nella zona di Termini, le trattorie e la pizzeria di San Lorenzo offrono un'alternativa rinfrescante alla pletora di trappole turistiche desolate intorno alla stazione.

EUR - A sud del centro della città, il quartiere EUR è in gran parte ora sede di uffici e aree residenziali che amano considerarsi una sorta di Beverly Hills di epoca romana. Il curioso nome, pronunciato AY-OOR, deriva dall'Esposizione Universale di Roma, un grande evento progettato da Mussolini per il 1942 per celebrare ciò che avrebbe segnato vent'anni di dominio fascista. La seconda guerra mondiale, invece, ha pagato i piani, ma alcune delle strutture previste sono state comunque completate, tra cui il Palazzo della Civiltà del lavoro , più popolarmente conosciuto come il "Colosseo quadrato". Per la massima sconvolgente visita d'impatto surreale di domenica, quando è deserta. L'EUR è anche sede di un certo numero di musei tra cui il Museo della Civiltà Romana Piazza Giovanni Agnelli (Metro: EUR Fermi, € 6,50, € 3,50 concessioni, 9 am-2pm-Dom). Parte delle bombolose celebrazioni di Mussolini per il 2000 ° anniversario della nascita di Augusto (Mussolini era un grande fan di Augusto), il vasto scafo fascista-classico del museo è interessante non solo come un esercizio di propaganda fascista, ma è pieno di modelli affascinanti dei monumenti imperiali della città. Ci sono modelli ritagliati che mostrano il labirinto di tunnel e ascensori al Colosseo, e calchi delle incisioni della colonna di Traiano, che consentono una vista ravvicinata. C'è anche un favoloso modello in scala che ricostruisce il modo in cui la città ha guardato durante il regno di Costantino.
find cookiefind cookie