Enjoy Rome
ITALIANO  ITALIANO
ITALIANO  ITALIANO
Trova il tuo tour
Data del Tour
Lingua Parlata
Luoghi
Difficoltà
Prezzo
Orario
Opzioni
Promo
Prenota
Resetta Parametri Ricerca
Trova il tuo tour

Enjoy Rome - Guida della Città

SPECIAL

25 %

PRICE
Evita la coda - Il meglio
Da
€ 53,00
€ 39,75
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Piazza Venezia, Fontana di Trevi, Pantheon, Piazza Navona
3.5 ore
flag eng
flag esp
flag fra
flag ger
flag ml
31 RECENSIONI
Scopri tutte le migliori destinazioni da visitare a Roma. Il nostro tour ti porta nei migliori luoghi della città: il Colosseo, il Foro Romano, Fontana di Trevi, il Pantheon e Piazza Navona.

E in più puoi saltare la fila con il nostro biglietto con Accesso Prioritario concedendoti ancora più tempo per apprezzare Roma.
SPECIAL

35 %

PRICE
Il meglio della Roma Anti
Da
€ 138,00
€ 90,00
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Campidoglio
3 ore
flag eng
8 RECENSIONI
Scopri uno dei luoghi più incredibili da visitare a Roma: il Colosseo e il Foro Romano. La nostra guida esperta vi accompagnerà attraverso la vasta area archeologica dove nel 753 a.C. nacque la Roma Antica. Puoi saltare la fila con il nostro Priority Access - lasciandoti a disposizione più tempo per goderti Roma.

Un'esperienza veramente memorabile senza attese e senza problemi: vivrai la storia antica per come le nostre guide riportano alla vita questa civiltà passata. Il nostro tour del Colosseo è il modo perfetto per visitare Roma in un giorno.
SPECIAL

30 %

PRICE
Roma incontaminata - Visi
Da
€ 60,00
€ 42,00
Per persona
Catacombe di San Callisto, Circo di Massenzio, Mausoleo di Cecilia Metella, via Appia Antica, Acquedotto Claudio
3 ore
flag eng
flag ger
9 RECENSIONI
Esplora alcuni dei luoghi più rari da visitare a Roma - le Catacombe e la campagna romana. Questo tour vi porterà oltre le mura della città e vi farà tornare al tempo della Roma antica.

Questa visita turistica a Roma inizia con una confortevole corsa in autobus lungo la campagna romana. Partendo dalle famose Catacombe di San Callisto e proseguendo fino al Circo di Massenzio con una visita esterna al Mausoleo di Cecilia Metella. Questo bellissimo viaggio a Roma finisce con una visita all'incredibile via Appia e all'Acquedotto Claudio. Destinazioni veramente uniche e un must-see della vostra visita a Roma.
Guida a piedi Pantheon, R
Da
€ 70,00
Per persona
Chiesa di Santa Maria del Popolo, via Ripetta, Chiesa di Santa Maria della Pace, Chiesa di Sant’Agostino, San Luigi dei Francesi, Pantheon
3 ore
flag eng
3 RECENSIONI
Una guida esperta vi accompagnerà in un walking tour di 3 ore alla scoperta del Pantheon e della sua storia unica e millenaria. Ripercorreremo i passi del più prolifico e influente pittore del nostro Rinascimento: Raffaello Sanzio, e dell’artista più ribelle che la storia dell’arte italiana abbia mai conosciuto: Caravaggio, colui che ha rivoluzionato la pittura rinascimentale sovvertendone le regole e l’immagine. Tutto questo attraverso le loro opere esposte nelle più belle chiese del centro storico.
SPECIAL

35 %

PRICE
Roma di notte - Colosseo,
Da
€ 45,00
€ 29,20
Per persona
Colosseo, Fori Imperiali, Fontana di Trevi, Pantheon, Piazza Navona
3 ore
flag eng
flag ml
4 RECENSIONI
Scopri la magia di Roma di notte: questo tour vi porterà attraverso i più bei luoghi di Roma al tramonto. Lungo il percorso incontrerete destinazioni imperdibili, a partire dal magnifico Colosseo e dal Foro Romano, proseguendo con Piazza Venezia, Fontana di Trevi, il Pantheon e Piazza Navona - i monumenti più famosi di Roma, ora splendidamente illuminati di notte. Questo incantevole tour è essenziale quando si visita Roma.
SPECIAL

35 %

PRICE
Un Must-See Tour a Roma -
Da
€ 45,00
€ 29,20
Per persona
Largo di Torre Argentina, Fontana delle Tartarughe, Portico d'Ottavia, Tempio Maggiore di Roma, Isola Tiberina, Piazza di Santa Maria in Trastevere, Piazza Farnese, Campo de' Fiori
3 ore
flag eng
7 RECENSIONI
Questo imperdibile tour di Roma vi guida attraverso gli affascinanti quartieri di Trastevere e del Ghetto ebraico - due dei migliori luoghi da visitare a Roma.

Il nostro viaggio inizia nel centro di Largo di Torre Argentina entrando nel Ghetto, e visitando le sue attrazioni più famose con una visita esterna alla Sinagoga. A seguire arriviamo a Trastevere - il famoso quartiere artistico e sede della bellissima chiesa di Santa Maria in Trastevere.

Questo tour esclusivo termina a Campo de' Fiori - una piazza amata per i suoi locali e piena di artisti di strada, musica dal vivo e caffetterie. Il modo perfetto per andare alla scoperta di Roma.
Monumenti: Palatino e Fori Imperiali
Nota: il seguente testo è stato originariamente scritto in inglese, in altre lingue è una traduzione automatica

Colle Palatino (via di San Gregorio, 30, metropolitana: Colosseo) Prezzo intero € 9, ridotto € 4,50 per entrambi i biglietti aggiungere un supplemento di € 3 in caso di mostre temporanee nel Colosseo Il biglietto è valido per un ingresso ciascuno al Palatino Collina, Foro Romano e Colosseo in un periodo di 24 ore).

Come il luogo in cui Romolo fondò leggendariamente Roma, il Palatino è un luogo ideale per iniziare la vostra visita a Roma. C'è anche una buona ragione pratica; il Colosseo è probabilmente da qualche parte vicino alla cima della tua lista di cose da vedere in città, ed è incluso nello stesso biglietto del Palatino e del Foro Romano. Inoltre le linee della biglietteria del Palatino sulla Via di San Gregorio sono molto più corte di quelle del Colosseo, comprate il vostro biglietto lì e quando arrivate al Colosseo potete camminare dritto oltre le code.

Dopo la fondazione di Roma da parte di Romolo, il Palatino rimase abitato per oltre mille anni. Dopo il rovesciamento dell'ultimo re di Roma e la fondazione della Repubblica romana, divenne l'elegante zona residenziale della città. Dopo il periodo repubblicano, dopo la creazione di Ottaviano come primo degli imperatori romani con il titolo di Augusto, la collina assunse un importante ruolo propagandistico. Augusto cominciò a costruire un palazzo, che costruì vicino all'area in cui Romolo aveva fondato la città. Si descriveva come il "Nuovo Romolo" e cercava di enfatizzare la sua gloriosa eredità; era il nipote di Giulio Cesare, che a sua volta rivendicava la discendenza diretta dall'eroe troiano Enea. Costruendo il suo palazzo dove Romulus aveva vissuto, reclamò un legame con un albero genealogico che lo vedeva come parte della linea che da Venere passava attraverso Enea e Romolo. Quale migliore diritto di governare? Dopo la costruzione del palazzo di Augusto, i successivi imperatori modificarono e ingrandirono gli edifici del palazzo; la maggior parte delle rovine che vediamo oggi sono quelle del vasto e un tempo straordinariamente opulento palazzo che fu costruito nel tardo I secolo dal folle, cattivo e pericoloso conoscitore dell'imperatore Domiziano della dinastia dei Flavi. Un complesso di grandi sale a volta e cortili aperti in cui un tempo si svolgevano le fontane, il palazzo di Domiziano è stato da tempo privato dei marmi colorati e dei graniti che furono portati dalle parti più lontane dell'impero per la sua decorazione. L'opulento rivestimento ora decora le innumerevoli chiese della città del 957, e la muratura oggi visibile è lo scheletro degli edifici, le ossa nude della struttura, mai vista per essere vista dagli occhi imperiali. Dall'ingresso di Via di San Gregorio, i gradini conducono a una vista sul lungo giardino sommerso che fu il punto di arrivo per i visitatori di stato del Palazzo Imperiale (i visitatori originariamente entrarono dal lato del Foro della collina). A causa della sua forma è stato chiamato lo Stadio, o Ippodromo, anche se è indubbiamente troppo piccolo per le corse di cavalli.

Oltre ad offrire una pausa pacifica dal trambusto della città, le sue rovine di mattoni rossi siedono pittorescamente tra i pini, il Palatino offre una bella vista sul Circo Massimo. Sito di gare di bighe in stile Ben Hur per circa undici secoli, il Circo è ora un pezzo di terra piuttosto sporco, favorito dai dog walkers (e tutto ciò che comporta). Da terra è difficile farsi un'idea di come doveva essere una volta, ma da sopra il Colle Palatino (dove gli Imperatori avevano la loro scatola privata) la scala è visibile, ma non la confusione del cane.

Proseguendo verso l'angolo più occidentale della collina, sono visibili gli scavi della metà del XX secolo. Questi fori rivelati sono scolpiti nella roccia, che si ritiene siano stati i supporti per le capanne ovali preistoriche, conosciute come le capanne romulee. Vicino a questi scavi si trova la Casa di Augusto, dove sono stati scoperti affreschi risalenti al I secolo a. Ci sono un certo numero di altri siti interni attraverso la collina dove si possono vedere affreschi repubblicani, tra cui la casa di Livia e la casa dei grifoni. Come la Casa di Augusto, tuttavia, sono sporadicamente aperti al pubblico e non hanno orari di apertura garantiti.
Via dei Fori Imperiali e punti salienti dei Fori Imperiali
Questa strada fu rasa al suolo nei quartieri medievali e rinascimentali della città da Mussolini negli anni '30, che in origine la battezzarono Via dell'Impero. Ora porta il nome dei Fori Imperiali, le estensioni del Foro Romano aggiunte dagli Imperatori assortiti. Sezioni importanti dei Fori Imperiali sono visibili dalla strada, mentre altri languiscono sotto i ciottoli e il traffico sfrenato.

Fu Giulio Cesare (che regnò come Dittatore durante il tardo periodo della Repubblica Romana, poco prima della nascita dell'Impero e non era un Imperatore) che fece girare la palla, con il suo nuovo Forum, dietro la Camera del Senato. Il tempio nel suo nuovo Forum era dedicato a Venus Genatrix, un riferimento alla grande famiglia di Giulio che sostenne risalire a Enea, l'eroe troiano e figlio della dea Venere. Dopo l'assassinio di Giulio, la salita al potere di suo nipote Ottaviano culminò con Ottaviano dichiarandosi il primo degli Imperatori con il titolo di Augusto. Augusto seguì la guida dello zio costruendo un'estensione al Foro Romano che avrebbe portato il suo nome. Ciò che rimane del Foro di Augusto è un po 'più in basso verso il Colosseo, prima del bivio con Via Cavour, e dall'altra parte della strada rispetto al Foro Romano. È identificabile dal muro fatto di pesanti blocchi verdastri di tufo. Nelle scanalature del muro forma una forma triangolare che un tempo sosteneva un frontone del Tempio di Marte, il dio Augustus scelse per il suo foro, ancora una volta si stava facendo riferimento al filone eroico della famiglia; Marte, il dio della guerra, era il padre di Romolo, che si adattava bene alla pretesa di Augusto di essere il "nuovo Romolo".

Direttamente di fronte al Foro di Giulio Cesare, verso Piazza Venezia dal Foro di Augusto, si aggiunge, oltre un secolo dopo la fondazione del suo Foro, il Foro di Traiano. Traiano, che governò tra la fine del I e ​​l'inizio del 2 ° secolo, si trovò a dover creare uno spazio per il suo Foro, cosa che fece rimuovendo la sella di terra che poi si unì al Quirinale con il Campidoglio. Per impiantare il Quirinale, costruì una grande struttura terrazzata emisferica, che forse aveva previsto aree dedicate al commercio e all'attività mercantile, e quindi note come Mercati di Traiano. Sempre religioso, Traiano era un po 'preoccupato di essere confuso con la natura e la volontà degli dei con il suo enorme lavoro di terra, e come riconoscimento delle sue modifiche, eresse una colonna esattamente alla stessa altezza della terra rimossa. Colonna di Traiano reca incisioni a spirale, simili a una pergamena aperta, e raccontano i trionfi di Traiano in Dacia (l'odierna Romania). Le incisioni sono considerate una delle più grandi conquiste dell'arte romana e offrono una visione enormemente importante delle tecniche militari del periodo.

I Mercati di Traiano e parte del Foro di Traiano sono incorporati nel Museo dei Fori Imperiali (9: 00-19: 00, € 6,50 / € 4,50) ingresso in Largo Magnanapoli dove la torre in mattoni rossi, la Torre delle Milizie, è un promemoria che la struttura fu trasformata in fortezza durante il Medioevo, una delle ragioni per cui rimane così ben conservata.
Piazza Venezia
All'estremità opposta della Via dei Fori Imperiali dal Colosseo, Piazza Venezia prende il nome dal quattrocentesco Palazzo Venezia, l'edificio marrone lungo il lato occidentale della piazza. Fu costruito verso la metà del 1400 dal futuro papa Paolo II, che era allora l'ambasciatore della Repubblica di Venezia a Roma, e porta il nome della sua città. Durante il periodo del dominio fascista Mussolini occupò la Sala del Mappamundo come suo ufficio. L'ingresso dell'Italia nella seconda guerra mondiale fu annunciato dal balcone di questa stanza, direttamente sopra la porta principale. Parte del Palazzo è il Museo Nazionale di Palazzo Venezia, ingresso in via del Plebiscito (8.30-19.30 da martedì a domenica, € 4 / € 2) con una galleria di quadri, una collezione di porcellane e una collezione di antichi, intagli medievali e rinascimentali nel Lapidarium.

A dominare la piazza, è stato inaugurato l'incongruo colosso bianco dell'Altare della Patria nel 1911, e spesso viene chiamato fugacemente come la torta nuziale, per il suo aspetto a più livelli e per la decorazione piuttosto esigente. Costruito per commemorare l'Unità d'Italia, ospita la tomba del Milite Ignoto, il Museo Centrale del Risorgimento (9.30-18 da martedì a domenica, gratuito) che documenta la lotta per l'Unità d'Italia del XIX secolo, uno spazio per l'arte temporanea mostre (ingresso dal Forum di Giulio Cesare), e un ascensore di vetro inaugurato nel 2007 (tutti i giorni 9.30-19.30, venerdì e sabato in estate aperto fino alle 23.30, € 7) che ti porta in cima al monumento dove si può godere di una vista favolosa in tutto il centro città, e oltre.
Campidoglio
A destra dell'Altare della Patria, una scalinata poco profonda (non quella molto ripida) porta fino alla Piazza del Campidoglio. Un tempo sede del tempio più importante del mondo romano, il Tempio di Giove Ottimo Massimo, deve la sua forma attuale ai disegni cinquecenteschi di Michelangelo. Ha modificato e incorporato le strutture medievali esistenti in questa piazza armoniosa. L'edificio centrale con il campanile è il Palazzo dei Senatori, ora sede del Municipio di Roma. Il fiancheggiato Palazzo dei Conservatori, sulla destra, e Palazzo Nuovo, sulla sinistra, ospitano il museo pubblico più antico del mondo, inaugurato nel 1471. I disegni di Michelangelo per la piazza videro anche la statua equestre in bronzo di Marco Aurelio spostata dal Laterano palazzo (dove era sopravvissuto al Medioevo perché si credeva rappresentasse Costantino, dato che Costantino era considerato il primo imperatore cristiano, la statua ebbe una fortunata evasione e non fu fusa per fabbricare armi). La statua che ora vediamo nel centro della piazza è una replica, realizzata negli anni '90, quando l'originale è stato spostato all'interno del museo.

Musei Capitolini, Piazza del Campidoglio. (09: 00-19: 00, 7,50 € / 5,50 €: è possibile aggiungere un supplemento al prezzo del biglietto in occasione dell'esposizione temporanea). Oltre alla statua originale di Marco Aurelio, la vasta collezione archeologica dei Musei Capitolini contiene la famosa scultura della lupa che è il simbolo della città. La statua è stata a lungo ritenuta un pezzo etrusco risalente al 500 aC circa, anche se studi recenti hanno suggerito che potrebbe essere in realtà un pezzo medievale. La discussione è ancora aperta, anche se non vi è dubbio che i bambini lattanti, che rappresentano Romolo e Remo, furono aggiunti nel XV secolo. Il Palazzo dei Conservatori (dove si entra nel museo) è collegato al Palazzo Nuovo (dall'altra parte della piazza) da un passaggio sotterraneo con una collezione di lapidi e altre iscrizioni. Da questo passaggio fare una breve deviazione per il Tabularium (l'edificio di archivio romano del 1 ° AC, su cui è costruito il Palazzo dei Senatori). Da qui si può ammirare una delle più belle viste sul Foro Romano verso il Palatino e il Colosseo. Oltre a una ricchezza di sculture antiche, i Musei Capitolini hanno anche una pinacoteca con opere di Caravaggio, Veronese e Tiziano, e un bel caffè con una splendida vista.
find cookiefind cookie