Enjoy Rome
ITALIANO  ITALIANO

Enjoy Rome - Guida della Città

Monumenti: Altre cose antiche
Nota: il seguente testo è stato originariamente scritto in inglese, in altre lingue è una traduzione automatica

Se questo ha stuzzicato l'appetito per altre rovine e roba antica ecco alcune altre idee ...

Terme di Caracalla, via delle Terme di Caracalla. (Metro Circo Massimo) (martedì-domenica, € 6 / € 3. Il biglietto include l'ingresso alla Tomba di Cecilia Metella e la Villa dei Quintili entro un periodo di 7 giorni). Il secondo più grande complesso termale del mondo romano fu costruito dal temibile imperatore Caracalla all'inizio del 3 ° secolo (il più grande era rappresentato dalle Terme di Diocleziano, la maggior parte delle quali si trova sotto la stazione Termini, Piazza del Cinquecento e Piazza della Repubblica). Secoli di saccheggi lo hanno spogliato dei marmi colorati e dei mosaici di vetro che un tempo ornavano le vaste sale, ma ciò che è rimasto dà un'idea della maestosità della struttura e di come il complesso termale, centrale per la vita sociale e lavorativa dell'Impero, lavorato. Le imponenti rovine erano l'ispirazione di Shelley per il suo poema, Prometheus Unbound.

Il biglietto è valido per tre giorni e, oltre alle Terme, consente l'ingresso alla Tomba di Cecilia Metella, via Appia Antica (metro fino a Colli Albani, quindi autobus 660), un pittoresco richiamo al vasto numero di tombe elaborate che un tempo fiancheggiava la Via Appia, e alla Villa dei Quintili, via Appia Nuova (metropolitana fino a Colli Albani, poi autobus 664). La casa di campagna più bella vicino a Roma nella metà del II secolo, era ambita dall'imperatore Commodo (di fama "Gladiatore") che fece mettere a morte gli sfortunati fratelli Quintili con false accuse di tradimento per poterlo rivendicare per se stesso.

Via Appia, via Appia Antica (metropolitana fino a Colli Albani, poi autobus 660). Il primo tratto della strada che porta il nome del console che lo commissionò, Marco Appio Claudio, fu allestito nel 312 aC. La prima delle arterie consolari da costruire, era conosciuta come la "Regina delle strade" e fu successivamente estesa per correre 365 miglia al porto sud-orientale di Brindisi. Rimase una parte fondamentale delle infrastrutture di Roma dopo il crollo dell'Impero, quasi 800 anni dopo che Marco Appio Claudio aveva pensato che una strada dritta sarebbe stata una buona idea. La sezione urbana della Via Appia è stata creata come Parco Regionale nel 1985 e offre un'oasi tranquilla e verde a due passi dal centro della città. Le sezioni della Via Appia che sfuggirono all'entusiasmo del dopoguerra per il cemento armato offrono una panoramica di ciò che è rimasto della Campagna Romana, la "Campagna Romana" tanto amata dai grandi turisti. Prendere l'autobus 660 dalla Metro Colli Albani a Cecilia Metella e camminare verso sud lungo la strada per raggiungere un tratto della strada fiancheggiata da pini e le rovine dei monumenti funerari che un tempo affollavano la zona, e pavimentati con i blocchi originali pietre che portano i solchi di secoli di ruote di carro. In alternativa, goditi le Catacombe di Roma e il Tour della Campagna Romana e segui i passi dei legionari romani lungo la Via Appia, ammirando le catacombe e il parco degli Acquedotti. E tutto dalla comodità di un autobus con aria condizionata; beatitudine!

Parco degli Acquedotti, (viale Appio Claudio, Metro Giulio Agricola, poi 10 min a piedi lungo viale Appio Claudio, gratuito). "Così i Romani costruirono questi vasti complessi termali, ma da dove veniva l'acqua?", Sentiamo piangere. Uno dei grandi trionfi dell'ingegneria romana furono gli acquedotti, il primo fu allestito nel 312 aC durante il consolato di Marco Appio Claudio, lui della Via Appia, un ragazzo pieno di idee brillanti. Nel corso dei successivi 600 anni hanno davvero imparato a portare l'acqua dalle sorgenti naturali a cavalcare le colline vulcaniche intorno alla città. Nell'Aqueduct Park, in una zona residenziale nella periferia della città, i frammenti di acquedotti includono la sezione di acquedotto meglio conservata della città, parte del ponte a due piani Aqua Claudia / Anio Novo, i suoi vasti archi che attraversano il paesaggio. Costruito tra il 38 e il 52 d.C., questo era il più grande degli acquedotti romani ed è uno splendido spettacolo da vedere.

Palazzo Massimo alle Terme, Largo di Villa Peretti (Metro Termini / Repubblica), (9-19 da martedì a domenica, 7 €, include l'ingresso agli altri siti del Museo Nazionale Romano, Cripta Balbi, Museo delle Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps entro un periodo di tre giorni). Leggero e arioso, Palazzo Massimo è ben strutturato, ben etichettato e di solito vuoto. Ha anche alcune delle opere più spettacolari dell'arte romana che vedrai mentre sei in città. I punti salienti del piano terra comprendono due straordinari bronzi greci del 3 ° secolo aC; un guerriero e un pugile. Il pianterreno e il primo piano hanno un numero di statue di ritratti, è un ottimo posto per un corso intensivo nello spotting dell'Imperatore; puoi sempre riconoscere un imperatore con il suo taglio di capelli. Il gioiello assoluto della collezione è all'ultimo piano, dove sono state costruite sale per gli affreschi staccati da una coppia di residenze romane, la villa della figlia di Augusto Giulia a Trastevere e la Villa di sua moglie Livia a Prima Porta. Se tutte quelle rovine ti hanno lasciato un po 'indistinto su ciò che in origine sembrava davvero questo è per te. La sala da pranzo estiva affrescata ricreata di Livia, dipinta con un giardino immaginario che a duemila anni fa sembra fatta ieri, è di una bellezza mozzafiato. Se le monete sono la tua cosa, sarai nel tuo elemento nel museo numismatico nel seminterrato.

Museo delle Terme di Diocleziano, Piazza del Cinquecento (Metro: Termini / Repubblica), (9-19 da martedì a domenica, € 7, include l'ingresso agli altri siti del Museo Nazionale Romano; Cripta Balbi, Museo delle Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps entro un periodo di tre giorni). Direttamente di fronte a Palazzo Massimo, e incluso nello stesso biglietto, il Museo alle Terme di Diocleziano documenta la storia antica dei popoli del Lazio. Reperti preistorici di sepoltura, iscrizioni di ogni genere e antiche maledizioni sono ospitati nell'ex monastero del XVI secolo, ricavato dai resti del più grande complesso termale dell'Impero romano.

La chiesa di Santa Maria degli Angeli, Piazza della Repubblica (Metro: Repubblica), (8-19 tutti i giorni, gratuita), originariamente progettata da Michelangelo, ma successivamente pesantemente modificata, occupa una parte adiacente del complesso termale.